Diario di una Social Geek

lunedì 2 maggio 2016

E ciao :)



Ho un piccolo annuncio da fare :)

Questo blog non verrà più aggiornato: ho deciso di cambiare piattaforma (mi sono trasferita su WordPress.com) e di dare spazio ad approfondimenti meno impulsivi e più organizzati.

Ho deciso, tuttavia, di non cancellarlo: alcuni degli articoli li ho spostati sul nuovo blog ma molti altri, ai quali sono tremendamente affezionata, ho deciso di lasciarli qui nel posto in cui sono nati.

Da oggi in poi, quindi, potete trovarmi su valentinacoppola.net :)



In questo post ho raccolto le motivazioni che mi hanno portata a traslocare: buona lettura!




venerdì 22 aprile 2016

È tempo di cambiamenti!



È arrivato il momento di rendere questo blog un posto un po' più dinamico!

venerdì 18 dicembre 2015

Schesir&Clio, una love story che dura da quasi 5 anni!


Clio che mi "aiuta" mentre lavoro.

Penso che se potessi chiedere alla mia gatta, Clio, cosa la rende più felice probabilmente tra le sue risposte ci sarebbero anche le seguenti: i grattini sulla testa e le scatolette di cibo umido Schesir. Non so quale delle due preferisca di più, sinceramente, perché quando riesce a ottenere ognuna di queste cose, vedo chiaramente che iniziano a brillarle gli occhi.

Clio adora le scatolette di Cibo umido Schesir. Quando gliene apro una penso che potrebbe riuscire a sentire il suono a km di distanza: lascerebbe qualsiasi tipo di occupazione momentanea, compreso il suo amato pisolino, per fiondarsi immediatamente in cucina.

mercoledì 16 dicembre 2015

#YearInSearch 2015: gli eventi, le persone e i fatti che ci hanno colpiti di più




Sono sempre più convinta che noi siamo, almeno in parte, anche ciò che cerchiamo sul web. Sarà ormai una mia deformazione professionale ma penso che analizzare le parole chiave che utilizziamo su Google ci aiuti a capire un po' meglio anche noi stessi.

Se siete stati già sul mio blog ormai saprete della mia convinzione che le nostre ricerche sul web ci aiutino in qualche modo a soddisfare parte dei nostri bisogni (ho approfondito l'argomento qui). Non si tratta, di certo, di bisogni primari come il nutrirsi e il vestirsi, piuttosto, bisogni legati al desiderio di scoprire qualcosa di nuovo, di chiarirci dei dubbi oppure, semplicemente di saperne di più su un determinato argomento.

Per questo motivo, ogni anno in questo periodo aspetto con ansia il giorno in cui Google rilascia i dati delle ricerche complessive: è il momento in cui la mia curiosità arriva a livelli tali che non mi è facile riuscire a contenerla. Ho bisogno di capire come siamo fatti dentro: ho bisogno di analizzare i dati.

I dati del 2015 sono stati rilasciati proprio oggi: potete trovarli qui se desiderate analizzarli personalmente.

Per quanto mi riguarda, vi fornirò la mia personale interpretazione.

sabato 12 dicembre 2015

Confessioni di una ghost writer




Qualche anno fa mi è capitato di leggere un libro, di cui purtroppo non ricordo più il titolo, in cui il protagonista era uno scrittore incompreso, anche un po' "dannato" e a tratti sfigato: un ghost writer. Nel libro, lui si trovava immerso in una storia avvincente e pericolosa ambientata tra i ghiacci del Québec, il paese nel quale si era rifugiato per scappare da non so quali reati che aveva commesso nella sua vita di prima. Aiutava una giovanissima attivista che si batteva a favore dei diritti degli animali.

Non ho intenzione di stare qui a raccontarvi la trama del libro ma vi prometto che se dovesse tornarmi in mente il titolo ve lo farò sapere.

La cosa che mi è rimasta più impressa di questo personaggio è stata la durezza con la quale aveva trattato un ex-cliente, una persona per la quale aveva scritto: da come veniva descritto, costui appariva quasi come un completo idiota e analfabeta; un idiota e analfabeta al quale lui, il protagonista del libro, aveva completamente sconvolto il senso di un romanzo, suscitando inizialmente le ire dello pseudo-autore, in modo da portarlo al successo facendolo diventare in breve tempo un acclamato best seller.